Giuseppe "Fenice" Festino

Biografia


Giuseppe Festino in arte “Fenice” nasce a Melfi in Lucania il 4 Marzo 1983. Approda alla pittura da autodidatta dopo essersi dedicato al disegno per molti anni come una propria forma di arteterapia. Sviluppa la sua ricerca artistica partendo dall’utilizzo di pastelli a cera, sovrapponendoli per poi graffiarli. Successivamente nel 2015 trasferisce la tecnica acquisita su tela utilizzando solamente colori acrilici dalle tinte forti, intense e contrastanti o adoperando pochi colori caldi che donano un risultato di estrema espressività e concretezza. Fenice preferisce ritrarre principalmente donne, cogliendone la dimensione psicologica e spirituale o rappresentando le espressioni del suo animo dal quale sgorga una vena malinconica. Le sue opere sono state esposte in diverse mostre, musei, gallerie e concorsi internazionali come: “Italian Vanity Art Exhibition” presso la Gallery of Light di Dubai; “Bienal de Arte Barcelona” presso il MEAM di Barcellona; Art Shopping Carrousel du Louvre di Parigi; Sofitel Washington DC Lafayette di Washington; Jolly Madison Towers di New York; Palais Sternberg di Vienna; “MeArt - Biennale Internazionale del Mediterraneo” di Palermo; Milano Art Gallery; Palazzo Brancaccio e Le Sale del Bramante di Roma; Palazzo Ximènes-Panciatichi di Firenze; il Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi; Il Melograno Art Gallery di Livorno; Porta Coeli International Art Gallery di Venosa; la Rocca dei Rettori di Benevento; Palazzo Loffredo e Museo Archeologico di Potenza. L’artista ha ricevuto premi e riconoscimenti e i suoi lavori figurano in importanti cataloghi e riviste d’arte riscuotendo recensione da parte di Paolo Levi, Vittorio Sgarbi, Sandro Serradifalco, Serena Carlino, Massimiliano Porro, Fulvia Minetti e Antonio Castellana.